UE approva primo farmaco per contrastare l’epatite D

UE approva primo farmaco per contrastare l’epatite D

Arriva il primo farmaco indirizzato a contrastare l’epatite D. La Commissione Europea concede lo approva: si tratta del bulevirtide (in precedenza conosciuto anche come Myrcludex B). Il farmaco è stato sviluppato da ricercatori della facoltà medica di Heidelberg, del DZIF e dell’ospedale universitario di Heidelberg in collaborazione con altri istituti.

“I risultati di questo studio suggeriscono che il bulevirtide è un trattamento promettente per l’infezione cronica da HDV e che la combinazione di bulevirtide e peg-IFN-alfa ha il potenziale per curare la coinfezione da HBV / HDV in alcuni pazienti”, ha detto il prof. Heiner Wedemeyer dell’ospedale universitario di Essen in Germania.

Si tratta di un inibitore di prima classe per l’epatite D che contrasta i tentativi del virus dell’epatite D e B. Il farmaco sfrutta il fatto che i virus dell’epatite B e D tendono a replicarsi solo nel fegato perché hanno bisogno del trasportatore di acidi biliari NTCP. Proprio grazie a questo trasportatore, riescono ad introdursi nelle cellule ma il bulevirtide blocca il passaggio.

Anche se il virus è riuscito ad entrare nella cellula, il bulevirtide protegge dall’infezione le nuove cellule epatiche, quelle che si sono formate da poco, cosa che accade molto velocemente quando il fegato è infetto, mentre le cellule infette vengono eliminate, come spiega Stephan Urban, uno degli scienziati impegnati nello studio.

Fonti: worldhepatitisalliance.org; notiziescientifiche.it

L’articolo UE approva primo farmaco per contrastare l’epatite D scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.

Powered by WPeMatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *