Prelievi a casa durante il lockdown ma non era infermiere

Prelievi a casa durante il lockdown ma non era infermiere

Ci sono state varie segnalazioni, denuncia l‘Ordine degli infermieri di Bergamo. Poi, l’indagine dei carabinieri del Nas di Brescia. Infine, le verifiche dei militari dell’Arma. Un uomo effettuava prelievi a casa durante il lockdown ma non era infermiere.

Il cinquantaquattrenne denunciato per esercizio abusivo della professione infermieristica. Aveva violato, inoltre, le limitazioni di legge imposte durate il lockdown per limitare il contagio e la diffusione del coronavirus.

L’uomo si presentava come infermiere titolato e libero professionista. Ma, invece, non aveva alcun titolo di studio per la qualiica di infermiere Era, infatti, un operatore sociosanitario. Effettuava prelievi ematici, soprattutto a persone anziane e malate, facendosi, poi, pagare come infermiere.

L’articolo Prelievi a casa durante il lockdown ma non era infermiere scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Powered by WPeMatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *