L’idrometiltionina, nuova frontiera per malattie neurodegenerative. Lo studio

Bozza automatica 481

L’idrometiltionina è un farmaco che permette il rallentamento del declino cognitivo nei pazienti affetti da malattia di Alzheimer’s.

Tuttora i farmaci che vengono utilizzati nei pazienti con malattia di Alzheimer (inibitori dell’acetilcolinesterasi e memantina) sono solo farmaci sintomatici.

Uno studio ha evidenziato come l’idrometiltionina utilizzata attualmente nello studio per la cura della malattia d’Alzheimer, potrebbe essere impiegata anche per un’altra importante malattia neuro-degenerativa, ovverossia la demenza fronto-temporale.

La demenza fronto-temporale (FDT) è una importante malattia dementigena che ah esordio in età adulta con una prevalenza di 1-9/100.000.  

È una malattia a trasmissione autonomica dominante che si manifesta con un cambiamento precoce della personalità, del comportamento sociale e una disfunzione del linguaggio, con conservazione relativa della funzione mnemonica.

Pare che l’impiego della idrometiltionina rallenti la fase di neuro-degenerazione e quindi id atrofia cerebrale. Il farmaco, verificato in studi in vitro e in vivo,  agirebbe bloccando l’aggregazione della TAU PROTEIN, ossia quella proteina deputata alla stabilizzazione de i microtubuli, e incrementando l’attività mitocondriale inattivando i meccanismi interessati alla microglia.

Per questo motivo alcune malattie con decadimento cognitivo, come la suddetta FDT, sono anche definite taupatie.

Lo studio

Il trial clinico era randomizzato e in doppio ceco. Arruolati 220 pazienti per 52 settimane e suddivisi in due gruppi con diversi dosaggi di idrometiltionina:

  • nel primo gruppo con dosaggio 200 mg al giorno,
  •  nel secondo con 8 mg al giorno.

Il dato sorprendente è stato che il coretto dosaggio, ossia quello più basso, ha dato notevoli risultati con una riduzione di quasi il 50% della progressione del declino cognitivo e dell’atrofia cerebrale rispetto ai pazienti con esposizione al farmaco più elevata!

CALABRESE MICHELE

FONTE:

www.orpha.net

content.iospress.com

L’articolo L’idrometiltionina, nuova frontiera per malattie neurodegenerative. Lo studio scritto da Michele Calabrese è online su Nurse Times.

Powered by WPeMatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *