Gli infermieri eroi di Bergamo in visita dal Papa:“Siete la colonna portante del Paese”

Gli infermieri eroi di Bergamo in visita dal Papa:“Siete la colonna portante del Paese”

Gli infermieri degli ospedali di Bergamo e provincia si sono recati in visita al Santo Padre in Vaticano insieme ad una delegazione di medici, operatori sociosanitari ed altri professionisti insieme al vescovo di Bergamo ed alcuni sacerdoti.

«Cari medici e infermieri, il mondo ha potuto vedere quanto bene avete fatto in una situazione di grande prova. Anche se esausti, avete continuato a impegnarvi con professionalità e abnegazione. E questo genera speranza. Siete stati una delle colonne portanti dell’intero Paese. A voi qui presenti e ai vostri colleghi di tutta Italia vanno la mia stima e il mio grazie sincero, e so bene di interpretare i sentimenti di tutti». Sono queste le parole del Papa durante l’incontro avvenuto questa mattina in Vaticano.

Coronavirus: Papa Francesco dona 2.000 guanti monouso e 200 tute protettive all’RSA di Chiavari

«Quanti, medici e paramedici, infermieri, non potevano andare a casa e dormivano lì, dove potevano perché non c’erano letti, nell’ospedale!», ha sottolineato «a braccio»

Papa Francesco nell’udienza in Vaticano, in cui erano presenti anche il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, l’arcivescovo di Milano Mario Delpini e i vescovi di Bergamo, Francesco Beschi, Brescia, Cremona, Crema e Lodi. «Siete venuti in rappresentanza della Lombardia, una delle Regioni italiane più colpite dall’epidemia di Covid-19, insieme al Piemonte, all’Emilia Romagna e al Veneto, segnatamente Vò Euganeo, qui rappresentato dal Vescovo di Padova – ha detto il Papa -. Oggi idealmente abbraccio anche queste Regioni. E saluto gli esponenti dell’Ospedale “Spallanzani” di Roma, presidio medico che si è molto prodigato nel contrasto al virus».

Papa Francesco elogia il personale degli Hospice:“Auspico si pratichi la terapia della dignità rispettando la vita”

«Nel corso di questi mesi travagliati, le varie realtà della società italiana si sono sforzate di fronteggiare l’emergenza sanitaria con generosità e impegno – ha proseguito -. Penso alle istituzioni nazionali e regionali, ai Comuni; penso alle diocesi e alle comunità parrocchiali e religiose; alle tante associazioni di volontariato». «Abbiamo sentito più che mai viva la riconoscenza per i medici, gli infermieri e tutti gli operatori sanitari, in prima linea nello svolgimento di un servizio arduo e a volte eroico. Sono stati segno visibile di umanità che scalda il cuore. Molti di loro si sono ammalati e alcuni purtroppo sono morti, nell’esercizio della professione. Li ricordiamo nella preghiera con tanta gratitudine», ha aggiunto.

Papa Francesco:“Medici e infermieri sono i crocifissi di oggi, morti per amore verso i loro pazienti”

Secondo Francesco, «nel turbine di un’epidemia con effetti sconvolgenti e inaspettati, la presenza affidabile e generosa del personale medico e paramedico ha costituito il punto di riferimento sicuro, prima di tutto per i malati, ma in maniera davvero speciale per i familiari, che in questo caso non avevano la possibilità di fare visita ai loro cari. E così hanno trovato in voi, operatori sanitari, quasi delle altre persone di famiglia, capaci di unire alla competenza professionale quelle attenzioni che sono concrete espressioni di amore».

«È il momento di fare tesoro di tutta questa energia positiva che è stata investita. Non dimenticare! È una ricchezza che in parte certamente è andata “a fondo perduto”, nel dramma dell’emergenza; ma in buona parte può e deve portare frutto per il presente e il futuro della società lombarda e italiana». Così il Papa. «La pandemia ha segnato a fondo la vita delle persone e la storia delle comunità. Per onorare la sofferenza dei malati e dei tanti defunti, soprattutto anziani (…), occorre costruire il domani: esso richiede l’impegno, la forza e la dedizione di tutti»

Dott. Simone Gussoni

Fonte: L’Eco di Bergamo

L’articolo Gli infermieri eroi di Bergamo in visita dal Papa:“Siete la colonna portante del Paese” scritto da Dott. Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Powered by WPeMatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *