Procura di Brescia, le indagini per epidemia colposa

Pubblicato su
Si ha notizia dei primi indagati per le morti per Coronavirus nelle Rsa e negli ospedali nell’idagine della procura di Brescia. Nel mirino ci sono i rappresentanti del Governo e della Regione, gli organi di gestione delle strutture ospedaliere e sociosanitarie locali. Sono accusati di incapacità nelle scelte organizzative e per l’inadeguatezza delle risorse umane e dei presidi messi a disposizion...
Di più

Coronavirus, i dati del 23 maggio

Pubblicato su
Pubblichiamo i dati del 23 maggio (Protezione Civile) sulla situazione dei contagi da Covid-19 in Italia. Il trend generale dei nuovi positivi è in discesa. Vi è, inoltre, un lieve calo dei decessi. Questo è quanto si rileva dai dati del monitoraggio sanitario sulla diffusione del nuovo coronavirus diffusi alle 18 del 23 maggio. L’incremento dei nuovi positivi è pari a 669. Complessivame...
Di più

Inail, 43mila denunce per Covid – la metà nell’ambito sanitario

Pubblicato su
Più di 43mila sono le denunce per infortunio sul lavoro per contagio da Covid-19. I morti sono 171. La metà delle denunce riguardano posti di lavoro nell’ambito sanitario e assistenziale. L’età media dei lavoratori che hanno contratto il virus è di 47 anni. È invece di 59 anni l’età media nei casi mortali. Sono questi i dati forniti dall’Inail che riguardano il periodo tra fine febbraio e inizio...
Di più

Se i Bandi di Mobilità venissero istituiti con cadenza annuale – la lettera di un infermiere

Pubblicato su
Gentile Direttore, a distanza di pochi giorni dalla pubblicazione della lettera aperta al Presidente del Consiglio, della Dr.ssa De Pilla, sulle criticità relativa alla mobilità verso la regione di origine del personale sanitario e alla concessione del conseguente nulla osta in tempi adeguati, ho notato che oltre me ci sono stati già molti consensi, e risposte da vari professionisti, e sono st...
Di più

Medici e infermieri: eroi del Coronavirus ormai dimenticati e di nuovo malmenati ed insultati

Pubblicato su
Con il passare delle settimane la vita dei cittadini italiani torna ad assumere sembianze di normalità. La conclusione del lockdown ha permesso a molte persone di poter tornare a lavorare ma, allo stesso tempo, ha fatto riemergere l’indole violenta di molti utenti degli ospedali o dei loro accompagnatori. Decreto Rilancio, sparito il bonus di 1.000 euro per i sanitari impegnati nell’emergenza Covi...
Di più

Incatenati davanti al San Raffaele, protestano i lavoratori dell’ospedale

Pubblicato su
Si erano incatenati davanti al San Raffaele i lavoratori dell’ospedale per protestare contro modifica del contratto dei lavoratori, da pubblico a privato, voluti dall’amministrazione. “Non vogliamo contratti di lavoro peggiorativi – dichiarano i sindacati a “Milanotoday.it”, – vogliamo un contratto pubblico e rivendichiamo la sanità pubblica come diritto fondamentale per tutti, per l’utenza p...
Di più

Noi interinali, in prima fila contro il Covid ma niente bonus

Pubblicato su
Scrivo a nome di tutti Noi infermieri interinali con un contratto di somministrazione nel Pronto soccorso generale dell’azienda Sant’Orsola Malpighi di Bologna. In quest’ultimo mese si è tanto sentito parlare del “bonus 1000 euro” che il Presidente della Regione Emilia-Romagna ha stanziato per i vari operatori sanitari e non impegnati in questa emergenza covid. Tutti noi interinali siamo in...
Di più

Nursing Up Trento – Piano antiCOVID-19

Pubblicato su
Piano antiCOVID-19 : ora si potenzino i servizi di prossimità al cittadino e si valorizzino finalmente i professionisti infermieri e sanitari dei settori socio-sanitari trentini Nelle ultime ore la sanità ed i servizi socio-sanitari sono stati al centro del dibattito nazionale e provinciale, con i fondi stanziati dal decreto “rilancia Italia” recentemente approvato e finalizzati all’emergenza ...
Di più

Accordo con la Regione Piemonte per la suddivisione degli incentivi per il personale del comparto e della dirigenza: un primo passo importante

Pubblicato su
Assurde le polemiche strumentali di chi vorrebbe fare divisioni.  Lʼintesa che è stata trovata ieri, sulla suddivisione delle risorse aggiuntive statali (18 milioni) e regionali (37 milioni) tra la Regione Piemonte e tutti i Sindacati dei lavoratori del Comparto sanità (Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl Nursing Up, FSI Usae e Fials) e le sigle della Dirigenza (Fp Cgil, Federazione Cisl Medici e Uil Fp...
Di più

Appello agli infermieri italiani

Pubblicato su
Gli Infermieri italiani devono credere in loro stessi, devono credere nei valori più alti della professione infermieristica e nella loro capacità di produrre intese essenzialmente con il cittadino. Devono rimanere uniti per crescere insieme verso tale unico intento. Per tutti, la parola d’ordine è e deve essere… unione! Gli Infermieri italiani devono imparare a riconoscere fino in fondo il ...
Di più